Vai ai contenuti
Eventi > Il presepe

Presepe "Terra Santa"

La natività di quest'anno è ambientata a Gerusalemme, questo per continuare il nostro percorso ecumenico iniziato lo scorso anno con i fratelli ortodossi.
Di fronte a noi abbiamo i simboli ancora presenti delle tre confessioni religiose monoteiste: cristiani - ebrei - musulmani.
La scelta di ambientare la nascita dì Gesù a Gerusalemme è dovuta al fatto che crediamo che il dialogo interreligioso possa nascere proprio da questo luogo e che la ricerca universale di Dio, avvenga nelle differenze e non nell'uniformità. All'interno di questa realtà splende la stella di Gesù che è nato, in mezzo a tutti noi, per tutti noi, amati sempre e comunque.

"Il primo passo di Abramo nella fede, e i nostri passi verso o dalla sinagoga, la chiesa, la moschea o il tempio, percorrono il sentiero della nostra singola storia umana, spianando la strada, potremmo dire, verso l'eterna Gerusalemme (cfr. Ap. 21,23). Similmente ogni cultura con la sua specifica capacità di dare e ricevere da espressione all'unica natura umana. Tuttavia, ciò che è proprio dell'individuo non è mai espresso pienamente attraverso la cultura di lui o di tei, ma piuttosto lo trascende nella costante ricerca di qualcosa al di là. Da questa prospettiva, cari Amici, noi vediamo la possibilità di un'unità che

non dipende dall'uniformità. Mentre le differenze nel dialogo interreligioso possono a volte apparire come barriere, tuttavia esse non esigono di oscurare il senso comune di timore riverenziale e di rispetto per l'universale, per l'assoluto e per la verità che spinge le persone religiose ad avviare innanzitutto dialoghi l'una con l'altra."

(dal discorso di S.S. Benedetto XVI nel pellegrinaggio in Terra santa Maggio 2009 - Incontro con le organizzazioni per il dialogo interreligioso)

Gerusalemme

Il centro storico di Gerusalemme è diviso in quattro quartieri: il quartiere musulmano, il quartiere ebreo, il quartiere
armeno ed il quartiere cristiano. Monumenti importanti di Gerusalemme sono la basilica del Santo Sepolcro, il Muro occidentale del Tempio e la Cupola della Roccia, ciascuno di elevata importanza per la religione in cui quartiere si trova.

La basilica del Santo Sepolcro (cerchio bianco), chiamata anche la chiesa della Resurrezione, è una chiesa cristiana di Gerusalemme, costruita sul luogo che la tradizione indica come quello della crocifissione, unzione, sepoltura e resurrezione di Gesù.

Il Muro Occidentale (cerchio blu), anche indicato come Muro del Pianto, è un muro di cinta risalente all'epoca del secondo Tempio di Gerusalemme. Il Tempio era, ed è, il luogo più sacro all'Ebraismo.


La Cupola della Roccia (cerchio rosso), proabilmente l'edificio islamico più antico del mondo ancora oggi esistente, è considerata dal Sunnismo il terzo sito più sacro del mondo islamico dopo la Ka'ba e la Moschea del Profeta di Medina.

Centro storico di Gerusalemme

Torna ai contenuti